AZIENDA

“Massima cura e rispetto dell’ambiente in cui lavoriamo e viviamo…”

Benvenuti, sono Gabriele Runfola e questa è la mia azienda che porto avanti con impegno, entusiasmo e tanta passione. Tutto è iniziato nel 2002 quando lavoravo a Bologna nella Polizia di Stato e per mitigare la forte nostalgia della mia Maremma, decisi di acquistare a Magliano in Toscana un oliveto con duecento piante secolari. Là trascorrevo i giorni di riposo dedicandomi alla cura dei miei alberi.

Di tanto in tanto parlavo col mio anziano vicino da cui ho imparato molto sull’olivo e sulla sua coltivazione, col passare degli anni mi trattenevo a parlare con lui sempre più di frequente, scherzando lo chiamavo Maestro, così tra racconti di vecchie storie e lezioni di potatura mi ha lentamente trasmesso la passione per l’olivicoltura.

Il lavoro in Polizia mi appassionava ma il richiamo della mia terra, che a malincuore avevo dovuto lasciare, diventava sempre più forte. Un giorno mentre in ascensore salivo al terzo piano della questura, mi sono guardato allo specchio e… ho visto il tempo che passava, mi sono chiesto quindi se nella vita fosse giusto scendere a dei compromessi, ebbene quello è stato l’ultimo giorno di Polizia.

Quella che inizialmente era solo una passione era diventata la mia nuova attività, la mia vita. Ho acquisito successivamente altri oliveti confinanti, compreso quello del mio Maestro che ormai stanco aveva deciso di lasciare la campagna. Unendo diversi appezzamenti di terra ho creato così una piccola azienda agraria che attualmente è costituita da circa mille vecchi olivi.

In uno di questi terreni, immerso tra gli olivi, c’era un vecchio piccolo rudere che ho personalmente ristrutturato e che è poi diventato la mia casa; adesso ci abito insieme a mia moglie, i nostri tre cani e tre gatti.

L’oliveto è composto per la maggior parte da alberi secolari, alcuni dei quali hanno più di mille anni, il nostro territorio vanta infatti la presenza di uno dei più antichi olivi d’Europa: l’olivo della Strega con i suoi 3500 anni di vita. È emozionante pensare che oggi si raccolgono le olive dagli stessi alberi da cui le hanno raccolte gli Etruschi e gli Antichi Romani.

I miei olivi secolari non sono allineati, ma essendo nati e cresciuti spontaneamente, sono disposti in ordine sparso e ben distanti tra loro, ciascuno dispone di un ampio raggio di terra da cui attingere nutrimento in modo sano e naturale.

L’azienda agraria si trova al centro di una riserva di caccia di quasi mille ettari, è quindi un rifugio per gli animali selvatici. A volte mi accorgo di essere osservato da un capriolo o da una lepre, non sembrano avere paura dell’uomo, qua si è creato un equilibrio perfetto tra animali uomo ed ambiente, ho il massimo rispetto per ciò che mi circonda, per questo ogni scelta aziendale viene fatta con piena attenzione per il territorio. Non utilizzo infatti per nessun motivo prodotti chimici, né fitofarmaci, né sostanze nocive per la vita o la salute dell’ambiente e di chi lo abita.

Nel 2014 ho acquistato un piccolo frantoio aziendale che si trova anch’esso all’interno dell’oliveto, questo permette di spremere le olive appena raccolte contribuendo a garantire la produzione di un olio di alta qualità.

L’immagine in etichetta mi raffigura con il mio pastore maremmano Dino e simboleggia l’unione uomo natura.

Benvenuti, sono Gabriele Runfola e questa è la mia azienda che porto avanti con impegno, entusiasmo e tanta passione. Tutto è iniziato nel 2002 quando lavoravo a Bologna nella Polizia di Stato e per mitigare la forte nostalgia della mia Maremma, decisi di acquistare a Magliano in Toscana un oliveto con duecento piante secolari. Là trascorrevo i giorni di riposo dedicandomi alla cura dei miei alberi.

Di tanto in tanto parlavo col mio anziano vicino da cui ho imparato molto sull’olivo e sulla sua coltivazione, col passare degli anni mi trattenevo a parlare con lui sempre più di frequente, scherzando lo chiamavo Maestro, così tra racconti di vecchie storie e lezioni di potatura mi ha lentamente trasmesso la passione per l’olivicoltura.

Il lavoro in Polizia mi appassionava ma il richiamo della mia terra, che a malincuore avevo dovuto lasciare, diventava sempre più forte. Un giorno mentre in ascensore salivo al terzo piano della questura, mi sono guardato allo specchio e… ho visto il tempo che passava, mi sono chiesto quindi se nella vita fosse giusto scendere a dei compromessi, ebbene quello è stato l’ultimo giorno di Polizia.

Quella che inizialmente era solo una passione era diventata la mia nuova attività, la mia vita. Ho acquisito successivamente altri oliveti confinanti, compreso quello del mio Maestro che ormai stanco aveva deciso di lasciare la campagna. Unendo diversi appezzamenti di terra ho creato così una piccola azienda agraria che attualmente è costituita da circa mille vecchi olivi.

In uno di questi terreni, immerso tra gli olivi, c’era un vecchio piccolo rudere che ho personalmente ristrutturato e che è poi diventato la mia casa; adesso ci abito insieme a mia moglie, i nostri tre cani e tre gatti.

L’oliveto è composto per la maggior parte da alberi secolari, alcuni dei quali hanno più di mille anni, il nostro territorio vanta infatti la presenza di uno dei più antichi olivi d’Europa: l’olivo della Strega con i suoi 3500 anni di vita. È emozionante pensare che oggi si raccolgono le olive dagli stessi alberi da cui le hanno raccolte gli Etruschi e gli Antichi Romani.

I miei olivi secolari non sono allineati, ma essendo nati e cresciuti spontaneamente, sono disposti in ordine sparso e ben distanti tra loro, ciascuno dispone di un ampio raggio di terra da cui attingere nutrimento in modo sano e naturale.

L’azienda agraria si trova al centro di una riserva di caccia di quasi mille ettari, è quindi un rifugio per gli animali selvatici. A volte mi accorgo di essere osservato da un capriolo o da una lepre, non sembrano avere paura dell’uomo, qua si è creato un equilibrio perfetto tra animali uomo ed ambiente, ho il massimo rispetto per ciò che mi circonda, per questo ogni scelta aziendale viene fatta con piena attenzione per il territorio. Non utilizzo infatti per nessun motivo prodotti chimici, né fitofarmaci, né sostanze nocive per la vita o la salute dell’ambiente e di chi lo abita.

Nel 2014 ho acquistato un piccolo frantoio aziendale che si trova anch’esso all’interno dell’oliveto, questo permette di spremere le olive appena raccolte contribuendo a garantire la produzione di un olio di alta qualità.

L’immagine in etichetta mi raffigura con il mio pastore maremmano Dino e simboleggia l’unione uomo natura.

Per acquistare l’olio o richiedere informazioni contattaci direttamente:

+39 349 6306717

ogliotoscano@gmail.com